Memoria costitutiva

Perchè ricordare il passato? Si può vivere un eterno presente? A queste domande offre una possibile risposta lo scrittore Ugo Giaime che collega la memoria alla cultura e all’ identità del singolo così come della collettività.

“L’essenza di ogni Cultura, anche e sopratutto di quella militare, si sostanzia nei fatti e nei momenti che la costituiscono: la memoria di tali fatti e momenti è fondamentale per l’identità e la sopravvivenza della Cultura stessa e di chi vi appartiene.”

(Ugo Giaime – Granelli di vita)

Annunci

Lupi gli implacabili fanti!

La nona offensiva dell’Isonzo dell’esercito italiano si svolse dal 31 ottobre al 4 novembre 1916.

L’obbiettivo era quello di consolidare le linee di difesa italiane attorno a Gorizia (conquistata nel precedente agosto), spingendo sempre più a oriente le linee austro-ungariche.

Fu un offensiva vittoriosa ma sanguinosissima: solo gli italiani ebbero 10.214 caduti 50.425 feriti e 18.293 dispersi (fonte: sito internet esercito italiano http://www.esercito.difesa.it/storia/pagine/l9-offensiva-isonzo.aspx).

In questa offensiva, un ruolo importante ebbe la Brigata Toscana, composta dal 77° e 78° Reggimento fanteria, che conquistò il Monte Veliki e il Dosso Fàiti.

Alla conquista del Dosso Fàiti il 3 novembre del 1916 (data che segnerà in seguito la festa di Corpo del 78° Reggimento) fu presente anche Gabriele D’Annunzio che per l’occasione dedicò i seguenti versi ai fanti vittoriosi:

Sicchè il nemico sbigottito

ne chiamò Lupi

gli implacabili fanti!

Per questo glorioso fatto d’armi, la Brigata Toscana (e i 2 reggimenti che ne facevano parte) assunse la denominazione Lupi di Toscana, una delle unità (nei vari periodi di riordino fino allo scioglimento avvenuto nel 2008) più prestigiose della storia dell’Esercito italiano.

Dall’abisso alla speranza

Il grande storico francese (di origine italiana e membro dell’Académie française) Max Gallo (1932 – 2017), universalmente noto per le sue opere su Napoleone, ha scritto anche un libro dedicato alla sconfitta della Francia nella seconda guerra mondiale: 1940 De l’abîme à l’espérance (XO Édition, Paris, 2010).

È un racconto puntuale, quasi un diario, di quei giorni della primavera 1940 in cui ciò che si riteneva impossibile si realizzò: la disfatta francese e la conseguente occupazione nazista.

Dopo la dichiarazione di guerra alla Germania il 3 settembre 1939 in seguito all’invasione della Polonia, si era vissuta la cosiddetta ” drôle de guerre” (letteralmente: guerra farsa) che nient’altro rappresentava che un’interminabile attesa sfociata, infine, nell’inarrestabile attacco tedesco del maggio 1940.

Il potente esercito francese (più di 3 milioni di soldati) è battuto, i resti del Corpo di spedizione britannico è eroicamente evacuato da Dunkerque, la Francia crolla, il popolo fugge e il Maresciallo Philippe Pétain chiede l’armistizio.

Il Paese è nell’abisso ed è allora che la speranza si leva e si fa resistenza: il 18 giugno 1940, da Radio Londra, il Generale Charles de Gaulle lancia un proclama ai francesi: “la fiamma della resistenza francese non si deve spegnere!”

Questo libro racconta i mesi più tragici della storia francese (ed europea) offrendo al lettore la certezza che l’assunzione di responsabilità e il coraggio delle scelte sono la premessa della riscossa del singolo come della nazione intera.

I guerrieri del Faraone

Nell’antico Egitto la casta dei Guerrieri era, accanto a quella degli Scribi, grande e potente.

Nella millenaria storia d’Egitto, non esisteva una potente organizzazione militare paragonabile, secoli dopo, a quella dei Greci e dei Romani (che infatti sconfissero gli egizi, prima con Alessandro Magno e poi con Cesare Ottaviano, occupandone il territorio) quanto piuttosto dei guerrieri che, sotto gli ordini del Faraone, difendevano l’Egitto e la sua popolazione, in primis i contadini, da incursioni delle popolazioni nomadi.

D’altraparte, la stessa conformazione fisica dell’Egitto costituiva una naturale difesa: un territorio circondato da mare e deserto dove solo la fertile valle del Nilo poteva rappresentare un degno obiettivo geopolitico. Ma ai nemici occorreva raggiungerla!

L’organizzazione militare egizia (che includeva fanti, arcieri, cavalieri e carri) aveva comunque una duplice particolarità: una composizione multietnica ed una spiccata attenzione alla logistica.

La prima è provata dalla presenza, ad esempio, di guerrieri nubiani e libi tra le sue file; la seconda è giustificata dalle condizioni ambientali d’impiego, spesso a presidio di fortezze nel deserto, che necessitavano di una particolare cura dei rifornimenti.

I guerrieri egizi dunque non costituiscono un paradigma di studio dell’Istituzione militare antica (che trova nella Falange macedone e nella Legione romana fulgidi esempi) ma rappresentano comunque la testimonianza di come la guerra abbia plasmato la vita degli uomini e l’organizzazione sociale di ogni tempo.

Memorabile trapasso

La lunga e avventurosa vita di Raimondo Montecuccoli ebbe fine oggi 338 anni fà (16 ottobre 1680) all’età di 71 anni.

Il grande condottiero morì a Linz al seguito della Corte imperiale fuggita da Vienna per scampare ad una epidemia.

La causa più probabile della sua morte fu una emorragia interna dovuta ad un’origine non accertata ma a cui l’età e la dura vita fin ad allora vissuta non potevano essere certo estranei.

Secondo tradizione, le sue viscere vennero inumate nella locale Chiesa conventuale dei Cappuccini (Kapuzinerkirche) mentre il corpo (compreso il cuore) venne sepolto nella Chiesa dei Nove Cori Angelici (Kirche am Hof) di Vienna.

Distrutta la tomba viennese a causa dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, di lui resta la lapide sepolcrale nella Kapuzinerkirche di Linz dove oggi va, in un pellegrinaggio ideale, il nostro memore e commosso pensiero.

Un sìbilo

La vista di un monumento ai caduti, offre a Ugo Giaime la possibilità d’immaginare e interpretare la morte di un soldato e il senso della sua memoria.

Un sìbilo.

In terra gettato

da un’improvvisa e ignota violenza

abbandona incredulo il presente

verso il futuro sperato.

Perchè?

Altri hanno deciso per la sua vita

che con doverosa volontà

ha reciso

spinto dalla coscienza

della propria identità.

Lo ricorderanno?

La madre, i figli e i viandanti

nelle giornate inondate dal sole

e nelle fresche sere

con i pensieri alle nuvole erranti.

Ugo Giaime

Carabinieri da eliminare

Il 7 ottobre ricorrono i 75 anni dalla deportazione in Germania dei Reali Carabinieri ad opera delle truppe occupanti tedesche. Un episodio poco noto, che costituisce un esempio tipico della fedeltà e del sacrificio, che anche un corpo di polizia militare come l’Arma dei Carabinieri ha espletato e continua ad espletare nei propri oltre due secoli di storia istituzionale. A ricordo di tale esperienza, inizio di quel lungo cammino, che ha riguardato centinaia di migliaia di Internati Militari Italiani (IMI), è uscito per i tipi delle Edizioni Chillemi il volume di Enrico Cursi “Carabinieri da eliminare”. Proponiamo qui la postfazione dello storico Giovanni Cecini, amico del nostro blog, che ci ha indicato l’importanza di questa ricorrenza storica.

Alla fine della presente narrazione, che ha sviluppato tutte le sfaccettature dell’azione dei militari dell’Arma contro l’arbitrio e la sopraffazione della Wehrmacht, sgorga nell’animo del lettore un grande senso di pietà e di riconoscenza. Nelle pagine del volume di Enrico Cursi, sembrano rivivere le intense iniziative del legittimo Comando Generale e delle dipendenti unità centrali o territoriali, volte tutte a mantenere il pieno controllo della delicata situazione, creatasi in quella calda estate 1943. L’arresto di Mussolini prima e la successiva uscita dalla guerra dell’Asse poi ebbero infatti come immediato effetto lo sbandamento psicologico di una Nazione, prima che quello materiale, dovuto anche alla pronta e calcolata reazione bellica tedesca.
I carabinieri, catapultati come tutti gli altri militari e il Paese intero alla prova dei fatti in un sostanziale quanto larvato ribaltamento d’alleanza, hanno preso sin da subito le armi e condotto uno scontro aperto contro l’aggressività germanica. Come non mai, nelle intense ore dell’8 e 9 settembre si confermò quell’esistenziale binomio funzionale, derivante dal doppio ruolo di arma combattente e di corpo di polizia, affidato sin dalla sua costituzione all’Arma dei Carabinieri. In ciò il Comando Generale (finché esso ebbe vita) poté contare sul valido supporto di ufficiali dall’alto profilo morale e professionale. Grazie ad essi i comandi territoriali hanno potuto reggere anche di fronte alle reiterate minacce tedesche, volte tutte a depotenziare con gradualità l’autorevolezza e la saldezza di spirito dei militari dell’Arma. Questo ultimo bieco proponimento non ebbe il risultato sperato. I carabinieri oggetto di narrazione, sia che fossero in servizio attivo permanente o richiamati, hanno dato invece un loro incorrotto e valido contributo alla salvaguardia dell’ordine pubblico e della continuità dello Stato. Emblematico il tortuoso salvataggio della bandiera di guerra dell’Arma. Tutto ciò avvenne nonostante la grande confusione, derivante dall’intempestiva proclamazione dell’armistizio, nonostante le repentine (e anzi spesso preventive) misure draconiane tedesche e infine nonostante l’abbandono della Capitale delle più alte cariche politiche e militari dello Stato legittimo.
L’ordine di disarmo, disposto dalle ricostituite istituzioni fasciste, divenne il momento delle scelte: accettare passivamente gli eventi o predisporre nel miglior modo un’azione ostruzionistica verso la prepotenza e l’arbitrio dei comandi germanici. Una volta chiusa l’esperienza di resistenza attiva contro i tedeschi e la seguente cessazione delle ostilità, siglata dalle residuali istituzioni monarchiche presenti nella Capitale, i carabinieri gestirono l’emergenza in modo composto e votato sempre alla salvaguardia della popolazione e dell’ordine pubblico. Creando un reticolo di collegamenti ufficiali od ufficiosi, le unità territoriali ebbero il grande coraggio di tenere testa all’ex alleato, sempre più galvanizzato dalla rapida occupazione di Roma, delle zone limitrofe e dalla liberazione di Mussolini.
Il successivo disarmo fu l’anticamera dell’eliminazione dei carabinieri, come ci indica il titolo del volume. Il preciso racconto della deportazione diventa quindi una struggente carrellata di testimonianza di quel che i carabinieri dovettero patire, ancor prima di essere costretti nei campi detentivi. Già sapendo che la destinazione sarebbe stata la Germania, il lettore è stato condotto lentamente e con un crescendo di commozione al seguito di quei poveretti, vessati da mille tribolazioni. Il lungo peregrinare, causato in tempo di guerra dalle difficili linee di comunicazione, si trasformò in un’anticipata agonia. Alcuni di loro, percorrendo in carri bestiame un percorso tortuoso e allucinante (durato ben 7 giorni!), che ha toccato tra l’altro Firenze, Bologna, Modena, Genova, Ventimiglia, Marsiglia, Lione e infine Monaco di Baviera, arrivarono stremati ancor prima di iniziare il loro inferno personale. Infatti solo allora in qualità di internati militari, ossia una finzione giuridica che toglieva agli italiani i diritti riconosciuti invece dalle convenzioni internazionali ai prigionieri di guerra, prendeva avvio la lunga marcia verso l’ignoto.
Insomma la narrazione ci ha offerto uno spaccato inedito, ma non per questo avulso dalla proverbiale missione di fedeltà, insita nell’istituzione dei Carabinieri. La scelta, di ritenere l’onore verso il giuramento prestato come massima direttrice delle proprie azioni, testimonia oggi come ieri l’esempio più concreto di come gli appartenenti alla Fedelissima esplichino il proprio servizio fino all’estremo sacrificio. Per molti dei carabinieri di quel settembre-ottobre 1943 significò la morte, per altri l’atroce destino nei campi di prigionia, per altri ancora la fuga verso un futuro di ulteriore lotta, questa volta in clandestinità. Se oggi viviamo in una Repubblica libera e democratica, lo dobbiamo anche a questo loro silenzioso sacrificio.

Giovanni Cecini