Marciare divisi, combattere uniti

Se Gerhard von Scharnhorst ha immaginato (e in parte realizzato) l’Istituzione militare prussiana e Carl von Clauseswitz ne ha teorizzato le funzioni e l’impiego, chi l’ha resa grande e famosa è stato Helmuth von Moltke. Scharnhorst – Clausewitz – Moltke rappresentano i lati del triangolo in cui iscrivere la storia dell’esercito prussiano – tedesco del XIX° secolo (e anche dopo).

Il Feldmaresciallo Helmuth Karl Bernhard von Moltke detto il vecchio (der Ältere 1800 – 1891), per distinguerlo dal nipote generale Helmuth Johannes Ludwig von Moltke il giovane (1848 – 1916), è stato una delle figure più eminenti della storia militare tedesca.

Moltke si ispirò lungo tutta la sua vita alla tradizione di pensiero e di innovazione dei riformatori militari prussiani, riuscendo ad esserne uno dei più convinti ed efficaci prosecutori.

Dai suoi “numi tutelari” ideali, Scharnhorst e Gneisenau, Moltke si distingueva per un tratto nuovo e determinante per le future generazioni di ufficiali che, a loro volta, a lui si ispiravano. Scharnhorst e Gneisenau erano stati, infatti, generali e politici insieme, anche se con differenze sostanziali tra loro. La loro idea di riforma militare era strettamente connessa ad una riforma politica generale della Prussia. Per ambedue, politica e strategia erano facce della stessa medaglia. Moltke, al contrario, pur riconoscendo la stretta connessione tra la politica e la strategia, si astenne sempre dal farsi coinvolgere dalla politica anche se questa sempre lo interessò. Questa convinzione di Moltke di assoluta neutralità dei militari rispetto alla politica, strettamente praticata in seguito dalla Reichswehr e dalla Wehrmacht, porterà a gravissime conseguenze per la Germania.

Grande studioso (in particolare di storia e geografia) Moltke svolse la sua carriera militare principalmente come ufficiale di stato maggiore e non come comandante di reparti. Ciononostante, allorché si confrontò con l’impiego sul campo delle forze, la sua lucidità e visione d’insieme portarono alla vittoria le armate prussiane e tedesche rispettivamente a Sadowa nel 1866 contro gli austriaci e a Sedan nel 1870 contro i francesi.

Una curiosità:  il Capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola nel suo discorso di insediamento all’Assemblea Costituente il 15 luglio 1946 citò il celeberrimo motto di Moltke “marciare divisi combattere uniti”  (Getrennt marschieren, Vereint schlagen) in relazione alla necessità dell’Italia ad essere unita di fronte alla grande sfida della difficile ricostruzione del Paese nel secondo dopoguerra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...