Il riposo dello spirito guerriero

Il mondo conosce giustamente Firenze per la sua insuperabile bellezza ma pochi sanno che la Città del Fiore conserva preziose tracce della storia militare nazionale.

Tra queste, quella per me più significativa é il monumento funebre dedicato a Ugo Foscolo, posto nella Basilica di Santa Croce e realizzato nel 1939 dallo scultore fiorentino Antonio Berti (1904 – 1990), lo stesso autore del celebre gruppo scultoreo “Carabinieri nella tormenta” del 1973, la cui replica troneggia dal 2014 (bicentenario di fondazione dell’Arma benemerita) nei giardini del Quirinale a Roma.

Ugo Foscolo é indubbiamente uno dei più grandi poeti italiani nonché guerriero della libertà italiana; per chi scrive peró é anzitutto un capitano di fanteria dell’esercito del Regno d’Italia (1805 – 1814), studioso e divulgatore del pensiero strategico di Raimondo Montecuccoli.

Foscolo, arruolatosi prima nelle formazioni militari della Repubblica Cisalpina e poi in quelle della Repubblica Cispadana, combatté diverse battaglie durante la sua vita rimanendo anche ferito. L’ultima sua operazione militare (alla quale partecipó come ufficiale responsabile degli approvvigionamenti) fu il tentativo d’invasione dell’Inghilterra da parte delle truppe napoleoniche nel 1806. Nel 1808 Foscolo abbandonó per sempre la vita delle armi per dedicarsi esclusivamente alle composizioni letterarie, per le grandezze delle quali oggi riposa onorato in Santa Croce.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...