Il vate interforze

Nella storia militare italiana esiste un solo uomo che ha combattuto, pressoché contemporaneamente, battaglie di terra, di mare e dell’aria: Gabriele D’Annunzio (1863-1938).

Interventista convinto, D’Annunzio si arruolò volontario, con il grado di capitano del 5° Reggimento Lancieri di Novara (i Bianchi Lancieri), allo scoppio del conflitto con l’Austria-Ungheria il 24 maggio 1915 e combatté tutti i lunghi anni di guerra, rimanendo anche più volte ferito. In particolare, in un’azione aerea nel 1916, rimase gravemente ferito agli occhi, rischiando così la cecità; durante il ricovero in Ospedale militare e nel successivo periodo di convalescenza scrisse l’opera di prosa lirica “Notturno”.

Memorabili sono le sue imprese navali con i MAS (Motoscafi Armati Siluranti), da lui ribattezzati Memento Audere Semper (ricorda di osare sempre), con cui violò, nella notte tra il 10 e l’11 febbraio 1918, la munitissima baia di Buccari, allora appartenente all’Impero austroungarico.

Ancor più celebri le sue imprese aviatorie: brevettato pilota, ideò, organizzò e condusse il volo su Vienna del 9 agosto 1918 durante il quale lanciò sulla città volantini propagandistici italiani.

Promosso ai gradi superiori sempre per meriti di guerra, al termine del conflitto rivestiva il grado di tenente colonnello ed era stato insignito dell’Ordine militare dei Savoia (la più alta onorificenza militare all’epoca), una medaglia d’oro, cinque d’argento e una di bronzo, tutte al valor militare.

Un ultima annotazione riguardo D’Annunzio soldato: prese parte, tra le fila del 77° reggimento della Brigata Toscana e al fianco del suo fraterno amico maggiore Giovanni Randaccio (caduto poi il 28 maggio 1917 durante un’azione nei pressi del fiume Timavo), alla presa dei monti Veliki e Fajti nell’autunno del 1916 e per il valore dimostrato fu decorato di una delle medaglie d’argento al valor militare di cui era insignito.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...