Servire lo Stato

Un casuale e interessante incontro mi ha portato a discutere con il mio sagace interlocutore sulle ragioni possibili della scelta della vita militare oggi.

La vita militare come scelta di regole etiche proprie dell’Istituzione militare, tanto più valide in un momento di disorientamento sociale come quello attuale. Giusto e fondato argomento.

Riflettendo a lungo ho però rilevato che altre scelte di vita hanno un fondamento etico: la missione medica, per esempio. Dunque, dov’è la specificità della scelta militare?

Direi nello spirito di servizio e nell’obbligo di obbedienza allo Stato di cui il militare è espressione. Se l’obbedienza (pronta e fedele, come si diceva un tempo) è limitata giustamente dalla legittimità degli ordini ricevuti, lo spirito di servizio del militare è illimitato e si spinge fino all’estremo sacrificio.

É il servizio assoluto e incondizionato dello Stato (che, va sempre ricordato, opera per il bene dei cittadini) l’elemento qualificante del militare nelle società moderne. Diversamente, si tratterebbe di un miliziano, fedele ad un capo o a un partito ma non allo Stato anzi spesso in antitesi a questo.

Tale obbligo di servizio dello Stato viene assunto dal militare con il giuramento di fedeltà che non a caso viene prestato in armi davanti alla bandiera, simbolo dello Stato stesso.

Almeno, io la penso così.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...