L’inizio del cammino

Raimondo Montecuccoli vide la luce il 21 febbraio 1609 nel Castello di Montecuccolo, un tempo compreso nel territorio del Ducato di Modena, oggi appartenente al comune di Pavullo nel Frignano. Figlio del conte Galeotto, un piccolo nobile dell’appennino modenese, e di Anna Bigi, Dama di compagnia alla Corte estense di Modena, dopo la misteriosa morte del padre (probabilmente per avvelenamento) nel 1619, la numerosa famiglia (composta, secondo alcune fonti, da ben undici figli) si trovò in ristrettezze economiche. Grazie alla generosità degli Estensi, il giovane Raimondo venne preso sotto la protezione del Cardinale Alessandro d’Este (1568 – 1624), fratello del Duca di Modena e Governatore di Tivoli, il quale ne curò la formazione iniziale e lo condusse con sé a Roma, come paggio. Nel 1624 il Cardinale Alessandro morì ma gli lasciò una piccola rendita a condizione che diventasse sacerdote. Il giovane Raimondo aveva già dimostrato di possedere quelle qualità che lo avrebbero aiutato nella vita: intelligenza pronta e vivace, maturo nonostante la giovane età, serio e impegnato nello studio, appassionato di equitazione ed esercizi marziali, nei quali raggiungeva alti livelli di eccellenza. Notato anche dal Duca di Modena Cesare (1562 – 1628), costui gli concesse altri 2 anni per la scelta della carriera ecclesiastica nonché la possibilità di continuare gli studi a Modena. Furono anni fondamentali per la sua formazione culturale: l’Antichità classica, l’Umanesimo, il Rinascimento venivano studiati e assorbiti con una capacita straordinaria. Machiavelli, Campanella e Galilei, (ed altri ancora) costituirono dei riferimenti dottrinali e filosofici a cui il giovane Montecuccoli fece sempre ricorso nella sua lunga e intensa vita. In particolare, Montecuccoli deve la sua formazione nel campo politico (che tanta parte avrà nelle riflessioni successive sull’essenza e gli scopi dell’Istituzione militare) alla lettura di Giovan Battista Nicolucci detto Il Pigna (1529 – 1575), esponente di spicco della cultura rinascimentale alla corte degli Estensi di Ferrara.

Intanto, pur abbracciando con fervore la fede cattolica, si allontanava sempre più da lui la vocazione sacerdotale e grazie anche al sostegno della madre (nel frattempo risollevatasi dalle ristrettezze economiche di un tempo), poté rivolgere le proprie aspirazioni verso campi a lui più congeniali. Un suo lontano cugino, Ernesto Montecuccoli (1582 – 1633), da tempo in servizio presso l’Esercito imperiale, ove aveva avuto addirittura la possibilità essere compagno d’armi del grande Wallenstein (1583 – 1634), aveva fatto carriera fino a raggiungere il grado di Generale. Il giovane Raimondo aveva ammirazione per questo suo lontano parente e sperava, tramite lui, di poter intraprendere quella carriera delle armi verso cui sentiva un’ intima vocazione. Così nel 1625, chiese al conte Rambaldo di Collalto (1579 – 1630), Generale dell’Impero di passaggio a Modena, di potersi arruolare come semplice soldato. Questo accolse la sua richiesta e così a sedici anni Raimondo Montecuccoli lasciò l’Italia e si avventurò verso quell’ignoto cammino che lo avrebbe però portato nella sua vita ad essere Conte dell’Impero; Luogotenente generale e Feldmaresciallo; Signore di Hohenegg, Osterburg, Gleiss e Haindorf; Presidente dell’Imperial Consiglio Aulico Militare; Gran Maestro dell’Artiglieria e Fortificazioni; Governatore della Raab e Colonnello – proprietario di un Reggimento di cavalleria; Reale Consigliere Segreto; Camerlengo e Cavaliere dell’Ordine del Toson d’Oro.

Un’esistenza indubbiamente ricca e, sopratutto, segnata da una grande ambizione verso il miglioramento di sé e del proprio mondo.

Annunci

2 thoughts on “L’inizio del cammino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...