L’eredità di Raimondo

Chi applicò per primo il pensiero strategico di Montecuccoli non furono gli Asburgo per i quali scriveva, bensì i sudditi di Luigi XIV°, il Re Sole.

Furono infatti i francesi a divulgare, all’inizio del settecento, gli scritti di Raimondo Montecuccoli, pensati e redatti tra il 1665 e il 1670 per l’uso esclusivo dell’Imperatore pro Tempore.

In modo particolare, fu Sebastien Le Pestre de Vauban (1633-1707) Maresciallo di Francia, a realizzare in Francia quel sistema di fortificazioni “mezzi efficaci alla tranquillità pubblica coll’assicurar le forze de’ reggimenti e l’obbedienza ne’ sudditi e il buon ordine dentro e la resistenza alle violenza di fuora” (Aforismi dell’arte bellica).

Nel 1688, sempre in Francia, venne istituita la Milizia Reale (Milice Royale) a cui erano affidati i compiti di milizia ausiliaria (principalmente usata per il presidio delle fortezze) e di riserva dell’esercito regolare.

In Italia, il pensiero militare montecuccoliano, pervenuto per via francese, fu applicato per primo dai Re sabaudi che realizzarono così uno dei sistemi difensivi più forti d’Europa, di cui oggi un ottimo esempio è rappresentato dal Forte di Fenestrelle in Val Chisone (provincia di Torino).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...