Il sughero galleggiante

50 anni fà, il 31 ottobre 1967, moriva il grande poeta ligure Camillo Sbarbaro (1888 – 1967), uno dei più importanti esponenti del lirismo italiano del XX° secolo.

Sbarbaro, come la maggior parte della sua generazione, prese parte alla Grande Guerra e combattè come ufficiale di fanteria sul fronte trentino.

Al termine del conflitto, venne destinato con il suo plotone al presidio di un piccolo villaggio nel Südtirol/Alto Adige di nome Lüsen/Luson, di cui scrive, insieme ad altre vicessitudini, nel resoconto di quegli anni militari poi pubblicato con il titolo Cartoline in franchigia.

Sbarbaro era un poeta minimalista che riusciva a cogliere con la sua sommessa poesia la grande intensità esistenziale sua e di chi lo circondava: un modo spoglio di esistere e di scrivere che neanche la grande tragedia della guerra riuscì a modificare, confermando così la scrittura come “atto continuo e cosciente di conoscenza, una operazione pura di vita” (Carlo Bo).

Di tale minimalismo è prova cosa scrisse di sè come soldato in guerra:

Sughero, galleggio in questo incerto.

Annunci

2 thoughts on “Il sughero galleggiante

  1. Minimalismo MOLTO profondo! L’incertezza di una vita immersa nel grande conflitto è mirabilmente riassunta e concentrata in sole tre parole: la materia, la sensazione, il mondo intorno.
    Altro che minimalismo: è sublime!

    1. il galleggiare, però, è condotta inerte, ricorda Re Travicello…
      XXIX
      Caminante, son tus huellas
      el camino, y nada más;
      caminante, no hay camino:
      se hace camino al andar.
      Al andar se hace camino,
      y al volver la vista atrás
      se ve la senda que nunca
      se ha de volver a pisar.
      Caminante, no hay camino,
      sino estelas en la mar.

      Viandante, sono le tue orme
      Il cammino e nulla più;
      Viandante, non esiste sentiero:
      si fa la strada nell’andare.
      Nell’andare si segna il sentiero
      E, voltando lo sguardo indietro,
      si scorge il cammino che mai
      si tornerà a percorrere.
      Viandante, non esiste sentiero,
      solo scie nel mare.

      Antonio Machado

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...