Il Generale Alberto Bonzani

Il Generale Alberto Bonzani (1872 – 1935) ebbe a svolgere, nel primo dopoguerra, un importante compito di organizzatore a favore della neocostituita Aeronautica militare e dell’Esercito. Specie nel primo quinquennio degli anni ’30 (con il Generale Pietro Gazzera come Ministro della Guerra), tale opera organizzativa permise di affrontare i successivi eventi bellici (guerre d’Etiopia e di Spagna) se non in modo ottimale certamente con un’apparato militare sufficiente.

Ufficiale di artiglieria proveniente dai corsi regolari dell’Accademia di Torino, divenne ufficiale di Stato Maggiore nel 1907. Insegnante di logistica alla Scuola di Guerra, Bonzani si mise in luce come organizzatore dei servizi logistici durante la guerra italo – turca in Libia.

Nella Grande Guerra comandò la Brigata Novara, che seppe mantenere unita e combattiva nei tragici giorni di Caporetto, assumendo anche il comando interinale della 4^ Divisione. Per il suo esemplare comportamento in questi tragici eventi, fu insignito della Croce di Cavaliere dell’Ordine Militare di Savoia.

Nel 1924, nominato Vice Commissario per l’Aeronautica (nel 1925 Sottosegretario di Stato), si dedicò all’organizzazione della nuova Forza Armata, conseguendo tali brillanti risultati da farlo generalmente considerare il vero fondatore dell’Arma Azzurra.

Nel 1929 venne nominato Capo di Stato Maggiore dell’Esercito e completò l’ordinamento Badoglio – Cavallero del 1926, curando in particolare i settori della mobilitazione, dell’addestramento e della dottrina d’impiego.

Bonzani istituì, tra l’altro, anche le Divisioni Celeri (nel numero di tre, tutte costituite nel corso del 1934) che comprendevano ciascuna: due reggimenti di cavalleria, un reggimento di bersaglieri (ciclisti), una compagnia motociclisti, una compagnia controcarri, un gruppo carri L (leggeri), un reggimento di artiglieria (con componente contraerei), una compagnia mista del genio e aliquote dei servizi.

Ideata per compiere manovre rapide e potenti, la Divisione Celere in realtà si svelò un’Unità difficilmente impiegabile e di limitato rendimento, a causa soprattutto per le diverse caratteristiche delle sue molteplici componenti. Ciò però non toglie merito all’iniziativa di aumentare la manovrabilità delle forze terrestri.

Ceduta la carica di Capo di SME nel 1934, il Generale Bonzani (nel 1926 nominato Senatore del Regno) si ritirò a vita privata a Bologna dove morì nel 1935.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...