Felice incontro

Uno degli scrittori militari più importanti del primo dopoguerra (Emilio Canevari) incontrò l’astro nascente del giornalismo italiano di quel periodo (Giovanni Comisso) e ne nacque un libro su un personaggio di primo piano (purtroppo ormai dimenticato) della nostra storia militare: il generale Tommaso Salsa (1857 – 1913) pubblicato dalla Casa Editrice Mondadori nel 1935.

Tommaso Salsa rivestì un ruolo importante (anche se non conosciuto ai più) come capo dell’ufficio politico-militare durante il primo periodo della colonizzazione italiana in Africa orientale: Salsa fu la mente delle conquiste coloniali italiane ed operò a fianco del Generale Oreste Baratieri, Governatore della Colonia eritrea fino alla tragica sconfitta italiana di Adua (1° marzo 1896).

In seguito, divenne sul campo uno dei protagonisti indiscussi della Guerra di Libia 1911 – 1912. Infatti, sconfisse più volte le truppe turco – arabe di Enver Bey e venne decorato di Medaglia d’oro al Valor Militare per la vittoria conseguita nella battaglia di Ettangi in Cirenaica.

Il Generale Salsa morì il 21 settembre 1913 in conseguenza ad una malattia contratta durante la Guerra di Libia.

Alla sua memoria è intitolata la Caserma di Belluno oggi sede del 7° Reggimento Alpini della Brigata Julia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...