Al comando dei bavaresi

Durante la Guerra dei Trent’anni (1618 – 1648) Raimondo Montecuccoli viaggiò (e combattè) in lungo e in largo per la Germania.

Nel gennaio 1645 l’Imperatore Ferdinando III lo incaricò di un’importante missione presso il Principe Elettore di Baviera Massimiliano I (fondatore e capo della Lega cattolica, che univa i principi cattolici tedeschi contro i connazionali principi luterani). Così Montecuccoli si recò a Monaco per convincere Massimiliano I a correre in soccorso delle truppe imperiali che si trovavano a Magdeburgo minacciate dagli svedesi.

Evidentemente Montecuccoli riuscì nell’impresa tant’è che Massimiliano I non solo concesse i sperati rinforzi ma mise Montecuccoli a capo degli stessi: fu uno straordinario gesto di fiducia nell’ancora giovane ma già glorioso condottiere modenese.

La lunga marcia di avvicinamento (in inverno, fatto eccezionale per l’epoca) verso la Sassonia fu segnata dagli scontri con gli svedesi, in uno dei quali lo stesso Montecuccoli fu ferito dovendo così rinunciare al comando e all’impresa che di fatto fallì.

Montecuccoli raggiunse poi il Castello di Hohenegg in Bassa Austria dove trascorse la convalescenza e potè dedicarsi agli amati studi fino all’aprile 1645.

Una risposta a "Al comando dei bavaresi"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...