Tattica vincente

Il 10 maggio 1940 la Wehrmacht nazista attaccava contemporaneamente Olanda, Belgio e Francia iniziando una Campagna d’Occidente che si sarebbe conclusa poco più di un mese dopo con la totale vittoria della Wehrmacht.

Il principale protagonista di questa impresa, ritenuta all’epoca impossibile, fu il Generale Heinz Guderian (1888 – 1954) e la tattica usata era basata sull’impiego a massa su un punto preciso dei corazzati coordinati con l’artiglieria, la fanteria motorizzata e il supporto aereo ravvicinato. Questa tattica venne ribattezzata Blitzkrieg (guerra lampo).

La “guerra lampo” era stata già utilizzata con successo nella Campagna di Polonia del settembre 1939 ma ebbe la definitiva consacrazione nella Campagna d’Occidente, rendendo così del tutta inutile la Linea Maginot, serie di fortificazioni francesi sul confine franco – tedesco.

Elaborata dagli strateghi tedeschi (tra cui il Generale Guderian) prima della Seconda Guerra Mondiale, la “guerra lampo” è stata a lungo studiata da tutti gli eserciti belligeranti e alla fine applicata con successo dall’Armata Rossa dopo esserne stata vittima nelle fasi iniziali della Campagna di Russia.

Per un critico approfondimento dell’argomento, il testo di riferimento è Karl – Heinz Frieser BlitzkriegLegende. Der Westfeldzug 1940. Oldenbourg Verlag, München, 1995 tradotto in molte lingue (tranne ahimè in italiano…!).