Un’importante domanda

I Generali devono stare nelle retrovie (nei Posti Comando) a pianificare e condurre la battaglia o in prima linea con i propri uomini a guidare l’azione?

A questa interessante domanda offre un’approfondita risposta il giovane (ma già molto conosciuto agli addetti ai lavori per le sue precedenti ricerche e pubblicazioni) storico Giovanni Cecini nel suo ultimo (e appena uscito) libro Generali in trincea – Comandanti eroici italiani nella Prima Guerra Mondiale Edizioni Chillemi, Roma 2017.

Per mezzo di venti accurate biografie, il libro racconta le vicende dei Generali italiani che meritarono la Medaglia d’oro al valor militare per il loro eroismo in combattimento.

Ritroviamo dunque le storie, tra le altre, dei Generali Antonino Cascino, Antonio Cantore e Maurizio Gonzaga del Vodice (quest’ultimo, per chi scrive, rappresentante indiscusso della più nobile tradizione militare italiana) che, con il loro comportamento valoroso in battaglia, sono assurti a miti della storia dell’esercito italiano.

Finalmente un bel libro da leggere e invitare a leggere (anche per rispondere all’importante iniziale domanda)!

Annunci

Il comandante

Il 12 settembre 1919 Gabriele D’Annunzio entrò nella città (contesa tra Italia e Jugoslavia) di Fiume (l’attuale Rijeka in Croazia) alla testa di un migliaio di “legionari” provenienti perlopiù dalle fila dell’Esercito.

D’Annunzio e i suoi vennero accolti da una popolazione favorevole, a tratti persino gioiosa: ebbe così inizio “l’Impresa di Fiume” che durò 16 mesi e si concluse con “Il Natale di sangue” in cui legionari dannunziani e regolari soldati italiani (comandati dal Generale Enrico Caviglia) combatterono sanguinosamente (ci furono 22 morti tra i legionari, 25 tra i soldati regolari e 6 tra i civili), costringendo i primi ad abbandonare la città dalmata.

Nel periodo in cui occupò Fiume, Gabriele D’Annunzio, pluridecorato Tenente Colonnello di Cavalleria che aveva assunto l’appellativo di “Comandante”, sperimentò un regime politico repubblicano che suscitò l’interesse dell’intera Europa.

D’Annunzio si fece promotore di uno Statuto moderno e, per certi versi, illuminato; per esempio, venne introdotto il diritto di voto alle donne e ammesso il divorzio (ambedue questi diritti non erano riconosciuti in Italia).

Il nucleo iniziale dei “legionari” venne costituito da circa 200 granatieri, già di guarnigione a Fiume e quindi rischierati a Ronchi (vicino Monfalcone) dopo che gli stessi avevano causato incidenti nella città dalmata. I granatieri, desiderosi di tornare a Fiume e capeggiati da un nucleo di ufficiali inferiori, disertarono e offrirono il comando della spedizione a D’Annunzio che accettò.

All’inizio, reparti regolari dell’Esercito italiano si opposero alla spedizione ma, alla fine, per evitare spargimenti di sangue, consentirono a D’Annunzio e alla sua piccola ma agguerrita milizia di raggiungere Fiume.

L’impresa dannunziana, politicamente e razionalmente destinata al fallimento, durò quel tanto che permise a D’Annunzio di conseguire un grande successo propagandistico e d’immagine e che lo perpetuò nella storia d’Italia oltre che “Vate” nazionale anche come “Comandante” militare e capo politico.

Organizzazione ed educazione

Tra le grandi figure militari italiane ormai dimenticate, ricordiamo oggi il Generale Carlo Corsi (1826 – 1905). Fiorentino di nascita, Corsi fu anzitutto un valoroso combattente che servì nell’Esercito toscano (con cui partecipò anche alla battaglia di Curtatone e Montanara), in quello sardo (combattendo nella II^ guerra d’indipendenza del 1859) e in quello italiano (con il quale prese parte alla III^ guerra d’indipendenza del 1866). Concluse la sua lunga e brillante carriera militare con il grado di Tenente Generale.

Grande storico militare (scrisse l’insuperato Sommario di storia militare in 4 volumi, riedito per l’ultima volta nel 1931), educatore di schiere di ufficiali (fu per molti anni insegnante di storia militare presso la Scuola di Guerra) e colto divulgatore (scriveva regolarmente per la Rivista Militare e La Nuova Antologia), trascrivo una sua frase molto significativa e ancora indubbiamente valida:

“La forza dell’Esercito deriva dalla bontà della sua organizzazione e della sua educazione, dalla combinazione delle forze fisiche e morali.” (Dell’Esercito piemontese, pag. 59)

Da ricordare e meditare con attenzione.

Fraternità d’armi

 

Di che reggimento siete

Fratelli?

Parola tremante

Nella notte

Foglia appena nata

Nell’aria spasimante

Involontaria rivolta

Dell’uomo presente alla sua

Fragilità

Fratelli

“La guerra improvvisamente mi rivela il linguaggio. Cioè io dovevo dire in fretta perché il tempo poteva mancare, e nel modo più tragico… in fretta dire quello che sentivo e quindi se dovevo dirlo in fretta lo dovevo dire con poche parole, e se lo dovevo dire con poche parole lo dovevo dire con parole che avessero avuto un’intensità straordinaria di significato (Giuseppe Ungaretti)”

Inventario di un Generale

La ricerca definitiva di sé e la libertà che deriva dal completamento della propria identità, più che la testimonianza ai posteri (anche se il libro è espressamente e comprensibilmente dedicato ai nipoti) , sono le ragioni di questo bel libro intitolato Un quaderno rosso bordò scritto dal Tenente Generale Paolo Mearini (Betti Editrice, Siena 2017).
Per sua stessa ammissione, l’autore tende a conciliarsi con la sua costante e naturale aspirazione a realizzarsi e identificarsi (anche) come scrittore.
E ci riesce appieno.
Il libro è coinvolgente, intenso (a tratti emozionante quando ci parla del valore dell’amicizia che non muore che con noi stessi) e, senz’altro, ben scritto. Ci accompagna nel viaggio letterario una prosa intima (ma mai troppo), scorrevole (ma mai superficiale) e convincente (ma mai agiografica).
Degna di nota è la tecnica narrativa che affida il filo del racconto a scritti precedenti, definiti dallo stesso autore “fogli sparsi dei pensieri disordinati”, che ripercorrono il tempo trascorso. Ritroviamo così, tra l’altro, un interessante scritto giovanile su Pinocchio, una testimonianza diretta della spedizione militare italiana in Libano all’inizio degli anni ’80 (immagino avrebbe molto interessato Oriana Fallaci che da quella esperienza ha tratto uno dei suoi romanzi di maggior successo “Inshallah”), discorsi tenuti in occasioni ufficiali e, soprattutto, delle poesie che nella forza della parola trovano l’espressione più alta della sensibilità di Paolo Mearini.
È un libro che testimonia un’esistenza, quella dell’autore, ricca d’esperienze e ricordi come può esserlo una vita militare di più di quarant’anni. La vita militare resta però in secondo piano, quale sfondo di accompagnamento di una vita proiettata verso qualcosa di più intimo e meno pubblico (che l’autore ben racconta). È un “inventario esistenziale” più che un “bilancio” che ben figura con altrettanto illustri precedenti nella letteratura italiana quali “Inventario” (per l’appunto) di Gina Lagorio o “Inventario della casa di campagna” di Piero Calamandrei.
Nei contenuti, riaffiorano i ricordi che danno sostanza alla vita dell’autore: l’infanzia tra i colori della Toscana (in questo Mearini “tradisce” una conoscenza e raffinatezza pittorica che richiama alla mente i Macchiaioli che hanno reso celebre e immortale la sua terra); le ragioni della scelta della carriera militare, intrapresa realisticamente più come opportunità professionale che come ideale di vita, gli amici che lo hanno accompagnato nel suo cammino (il capitolo dedicato a Paolo Galli vale tutto il libro per le punte di coinvolgimento emotivo che raggiunge); il paracadutismo come sistema di valori morali e spirituali volti all’effettiva realizzazione della fraternità d’armi e, infine, un epilogo che raggiunge punte di lirismo che lascio scoprire e valutare al lettore.
Una parola doverosa, perché attiene alla migliore comprensione del libro, sulla copertina e sul disegno contenuto nel libro, unico apporto iconografico dell’opera di Mearini (e non sarebbero certo mancate le occasioni per inserire dei ricordi fotografici coerenti ed esplicativi di quanto narrato). Si tratta di una barca rovesciata che richiama e rappresenta personaggi e situazioni descritti nel libro: un tocco di originalità a beneficio dell’interpretazione e della sensibilità di chi legge. E direi anche una sintesi figurativa ben riuscita rispetto al messaggio dell’autore.
E’, in estrema e conclusiva sintesi, un racconto (tra i tanti possibili) della propria esistenza, e ancor di più, della propria anima per congiungersi definitivamente con essa. È questo sublime (e invidiabile) obiettivo che il Generale Paolo Mearini ha pienamente raggiunto con il suo libro.

Scritto appena ieri

Il Generale Nicola Marselli (1832 – 1899), uno dei più sagaci tra gli scrittori militari italiani del XIX° secolo, nel suo libro “La vita del Reggimento” (un’interessante raccolta di osservazioni e riflessioni legate all’espletamento del suo periodo di comando di Reggimento e pubblicato nel 1889) così scriveva:

“Nelle vivaci dispute che oggi sollevano le questioni militari m’è toccato sentire questa esclamazione: noi vi diamo i soldi, voi dateci la vittoria. Oh signori! La vittoria non si lascia comperare a così vil mercato: essa è un maestoso albero, che ha le sue profonde radici nelle viscere del Paese, il suo robusto tronco nelle virtù del soldato e de’ quadri, il suo fiore nell’ingegno del Generale.”

Sembra scritto appena ieri!

Esercito e nazione

Oggi l’esercito italiano festeggia il 156° anniversario della sua fondazione ad opera dell’allora Ministro della Guerra del Regno d’Italia Generale Manfredo Fanti.

Una riflessione che s’impone in tale giorno è il cammino percorso dall’esercito insieme alla nazione in questi lunghi e, talvolta, difficili anni. Perchè, nella storia d’Italia, esercito e nazione sono un tutt’uno e non si può disgiungere la storia dell’uno dall’altra. Nel bene come nel male.

Una prova tra le tante? La resistenza sul Piave ormai cento anni fà. La nazione s’identificò con il proprio esercito che combatteva per arrestare l’invasore e, alla fine, la vittoria nella dura lotta fu nostra.

Ed è la nazione, con i suoi uomini e donne, che ha costituito e costituisce l’esercito, fedele alla Stato che la nazione esprime (e che la rappresenta).

Dunque, la festa dell’esercito (come delle altre Forze Armate) è un momento celebrativo non solo dei suoi appartenenti ma anche, e sopratutto, di tutta la nazione italiana, sempre servita, con lealtà e generosità, dal proprio esercito fin dalla sua costituzione il 4 maggio 1861.