Gli studi di Napoleone

Nella ricorrenza del 250° compleanno di Napoleone Bonaparte (nato ad Ajaccio in Corsica il 15 agosto 1769) ne ripercorriamo brevemente la formazione scolastica – militare.

Napoleone entrò nella Scuola militare di Brienne (nell’est della Francia) all’età di 10 anni (non ancora compiuti), dopo aver frequentato un collegio tenuto dai frati di San Francesco di Paola a Autun per migliorare la sua conoscenza della lingua francese.

A Brienne Napoleone si distinse negli studi, conquistandosi stima e simpatia dopo un inizio non facile a causa delle sue origini corse e non aristocratiche (perquanto il padre di Napoleone, Carlo Maria, per iscrivere il figlio alla Scuola militare avesse vantato un lontano titolo nobiliare toscano).

Nel 1784 lascia Brienne ed entra nella prestigiosa Scuola militare di Parigi, fucina degli ufficiali dell’esercito del Re di Francia.

La permanenza a Parigi è di appena un anno al termine del quale, a soli 16 anni, Napoleone sarà nominato (3° su 4 all’esame finale) ufficiale di artiglieria ed inizierà quel percorso che lo porterà ad essere uno dei grandi geni militari della Storia.

Annunci

La cultura al potere

Napoleone era un uomo colto oltre che potente. Curioso e amante dei libri, aveva interessi che spaziavano dalla storia alla letteratura, senza trascurare la tecnica (non va mai dimenticato che Napoleone era un ufficiale di artiglieria) e le scienze naturali

Una testimonianza dei suoi studi si può avere visitando la Villa (o Palazzina) dei Mulini a Portoferraio, una delle due residenze (l’altra è Villa San Martino) abitate dall’Imperatore durante la sua permanenza sull’isola d’Elba tra il maggio 1814 e il febbraio 1815.

Nella villa infatti è ospitata parte della copiosa biblioteca che Napoleone portava sempre con sè. Tra i numerosi libri ancora presenti all’Elba, possiamo trovare autori francesi e italiani oltre a classici greci e latini.

Sono volumi rilegati con estrema cura in marocchino rosso, tutti riportanti la lettera N in oro sul dorso e sul piatto. Alcuni riportano la scritta Fontainebleau o Saint-Cloud a seconda che provengano dall’una o dall’altra residenza imperiale.

Curiosamente, uno dei libri di maggior successo che racconta di Napoleone sull’isola (N. di Ernesto Ferrero, Einaudi, 2000) è un romanzo storico avente come protagonista, oltre all’Imperatore, un giovane insegnante incaricato di sistemare proprio la grande biblioteca che Napoleone aveva portato con sè dalla Francia.

L’ammirato rivale: Turenne

Raimondo Montecuccoli ebbe un grande rivale sui campi di battaglia: Henri de La Tour d’Auvergne, Visconte di Turenne (1611 – 1675), Maresciallo di Francia di Luigi XIII e Luigi XIV.

Turenne fu, insieme al Gran Condė, il più grande condottiero di Francia del XVII secolo: vincitore nelle Fiandre, liberatore dell’Alsazia, sostegno militare della monarchia durante la crisi della Fronde.

Militare di temperamento, con chiare visioni strategiche e spiccate capacità tecniche, segnò i suoi tempi e influenzò quelli a venire attraverso i suoi tanti ammiratori, Napoleone e Clausewitz in primis.

Degnissimo avversario del Montecuccoli, venne da quest’ultimo affrontato nelle due Campagne del Reno del 1673 e 1675, offrendo alla storia militare mirabili esempi di guerra manovrata.

Proprio durante la seconda Campagna del Reno, il 27 luglio 1675, Turenne troverà la morte colpito da un colpo di cannone nemico durante una ricognizione finalizzate ad individuare il luogo migliore per dar battaglia alle forze avversarie di Montecuccoli.

Alla notizia della sua morte, il grande generale modenese ebbe a dire ” è morto oggi un uomo che faceva onore all’uomo”.

Napoleone a Milano

Il legame che unisce Napoleone a Milano è indissolubile. Napoleone volle fare di Milano la capitale della Repubblica Cisalpina (1797 – 1802), della Repubblica Italiana (1802 – 1805) e infine del Regno italico (1805 -1814). A Milano venne incoronato Re d’Italia il 26 maggio 1805 e qui, ancora oggi, sono maggiormente presenti le tracce della sua epopea storica in Italia (che ebbe poi importanti momenti anche sull’Isola d’Elba e a Roma – perquanto nella città eterna Napoleone non mise mai piede!).

Girando per la città meneghina, Napoleone è ovunque: Palazzo Reale, Accademia di Brera, Arco della pace. Ma il luogo, per chi scrive, dove trovarne le vestigia più autentiche è lo splendido Museo del Risorgimento.

Situato nel cuore della città (Palazzo Moriggia, via Borgonuovo 23), conserva nelle prime sale dei preziosi cimeli del famoso Corso: il celebre berretto bicorno, lo scettro, la corona e il mantello usati per la sua incoronazione, busti di marmo e, soprattutto, il sublime ritratto di Napoleone Re d’Italia del pittore milanese Andrea Appiani (1754 – 1817).

Non esito a paragonare l’estasi provata nell’ammirarlo a quella conseguente alla visione de La Gioconda al Louvre di Parigi.

Perchè, in fondo, per emozionarsi non bisogna andare molto lontano…

Andrea Appiani fu pittore ufficiale di Napoleone in Italia e lo raffigurò molte volte in ritratti, affreschi e medaglie. Esponente principale del Neoclassicismo, Appiani svolse quasi tutta la sua attività a Milano (e dintorni) a cui, di fatto, ha lasciato un patrimonio artistico immenso rintracciabile in musei, chiese e palazzi milanesi. Andrea Appiani, in epoca napoleonica, fu anche Direttore della prestigiosa Accademia di Brera.

Un’ultima annotazione. A Milano sorse e ebbe il proprio comando l’esercito del Regno italico nelle cui fila servirono grandi personaggi della storia d’Italia, primo fra tutti Ugo Foscolo (grande amico anche di Andrea Appiani). Tra i suoi esponenti più importanti, va ricordato il Generale Pietro Teuliè a cui (giustamente) l’esercito italiano ha dedicato la Scuola Militare di Milano.

L’immortale prussiana

La Regina di Prussia Luise (Königin Luise 1776 -1810) è una delle figure storiche più importanti della storia tedesca.

La grandezza della sua persona e l’opera svolta a favore della Prussia nei difficili anni dell’occupazione napoleonica ne fanno uno dei miti nazionali ancora oggi più riconosciuti e rispettati.

Sposa del Re di Prussia Federico Guglielmo III° (che in suo onore il 10 marzo 1813 fondò il celeberrimo Ordine della Croce di ferro), la Regina Luise svolse un importantissimo ruolo politico e militare in Prussia, spesso sostituendosi al marito d’indole più pacifica e incerta.

Sostenitrice delle riforme militari portate avanti dal Generale Gerhard von Scharnhorst in seguito alla disastrosa sconfitta prussiana dopo le battaglie di Jena e Auerstedt (14 ottobre 1806), prese parte a quest’ultime incitando sul campo le truppe prussiane a combattere contro l’invasore francese.

Ricevuta personalmente da Napoleone a Tilsit il 6 luglio 1807, fece sull’Imperatore francese una tale impressione che alla prematura scomparsa della Regina Luise (19 luglio 1810) disse che “Il Re di Prussia ha perso il suo miglior ministro”.

Il 2° Reggimento Corazzieri di Pomerania Kürassier – Regiment (Pommersches) n. 2, dal 1810 al suo scioglimento nel 1919, in onore della Regina Luise, prese il nome di “Corazzieri della Regina” Kürassier -Regiment “Königin”.

La nascita di un mito

Il 15 agosto 1769 nasceva ad Ajaccio in Corsica uno dei grandi miti della storia umana: Napoleone Bonaparte.

Tra le sue innumerevoli doti, Napoleone fu anche un grande scrittore (oltre che vorace lettore).

Gli “Aforismi, massime e pensieri di Napoleone” vennero pubblicati, a cura del conte Augusto di Liancourt, nella seconda metà del secolo XIX°, estratti dalle numerose opere scritte dal Grande Corso.

Si tratta di pensieri incisivi, brevi, immediati che mettono bene in evidenza l’entusiasmo, la volontà, il carattere, l’ambizione per il potere di Napoleone.

Lo vogliamo ricordare con uno dei suoi pensieri più noti e tramandati ai posteri:

“I grandi fatti non sono opera del caso e della fortuna: dipendono dall’organizzazione e da una mente geniale. È difficile veder fallire i grandi uomini nelle imprese più pericolose. Alessandro, Cesare, Annibale, il grande Gustavo riuscirono sempre. Divennero uomini tanto grandi per la fortuna? No, solo perchè erano grandi uomini si sono meritati la fortuna.”

(Napoleone, Aforismi, massime e pensieri, Newton Compton editori, Roma 1993 pag. 92)

Napoleone e l’Italia

“Spero che il bene inestimabile della libertà saprà dare a questo popolo una nuova energia, e lo metterà in grado di aiutare potentemente la repubblica francese nelle guerre future che potrebbe avere.” (lettera dell’8 maggio 1797 di Napoleone al Direttorio dall’Italia)

Lo storico Albert Sorel (1842 – 1906) ha giustamente scritto che l’Italia sta a Napoleone come la Gallia a Cesare: l’inizio dell’irrefrenabile ascesa politica e storica dell’ufficiale corso.

Con la campagna d’Italia, coerente con l’idea del Direttorio di circondare la Francia di “Repubbliche sorelle”, Napoleone in realtà intravide la grande occasione, come poi in effetti sarà, per mettersi in mostra non solo come capo militare ma anche, e soprattutto, come politico e amministratore.

E all’Italia Napoleone, di lontana discendenza italiana, darà una dignità seconda solo a quella francese: incoronato a Milano con la “corona di ferro” Re d’Italia (26 maggio 1805) dopo l’incoronazione a Imperatore dei francesi, volle fortissimamente che il figlio Napoleone Francesco (1811 -1832), erede al trono imperiale, assumesse il titolo di Re di Roma.

Una curiosità: Napoleone soggiornò più volte a Milano mentre non mise mai piede a Roma dove, in previsione di una sua visita, venne appositamente ristrutturato e abbellito il Palazzo del Quirinale al cui interno, ancora oggi, possono essere ammirate le meravigliose modifiche apportate in epoca napoleonica.

Un legame, quello tra Napoleone e l’Italia, che cambierà il corso della storia italiana.