La riscossa

Le operazioni delle Forze Armate italiane in Libano nel bienno 1982 -1984 segnarono una grande riscossa per la storia militare nazionale.

Per la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale, un contingente militare italiano veniva impiegato in ambiente operativo all’estero: tutti i riflettori, nazionali e internazionali, furono puntati su questi soldati, marinai, aviatori e carabinieri.

Più di 2.000 uomini formavano i contigenti delle operazioni Libano 1 (agosto- settembre 1982, al comando del Tenente Colonnello dei Bersaglieri Bruno Tosetti) e Libano 2 (settembre 1982 – febbraio 1984) e uno di loro, il Marò del Battaglione San Marco Filippo Montesi, cadrà sotto i colpi di un vile attacco notturno da parte di forze ostili. Inoltre, durante l’operazione Libano 2 ben 75 militari italiani rimasero feriti.

Il contingente italiano (ITALCON LIBANO) ebbe anzitutto il compito di garantire l’evacuazione pacifica dei guerriglieri palestinesi da Beirut (operazione Libano 1) e, successivamente, di presidiare e assicurare i campi profughi palestinesi nella parte occidentale della capitale libanese (operazione Libano 2).

Il compito venne svolto in maniera impeccabile dai militari italiani che così guadagnarono non solo l’ammirazione degli altri contingenti (USA, Francia e Gran Bretagna) ma soprattutto della popolazione civile libanese, per le cui esigenze era stato messo a disposizione l’ottimo ospedale militare da campo italiano.

Gli italiani amarono, e amono ancora oggi, questa storia di successo delle loro Forze Armate. In modo particolare, è entrato di diritto nella galleria delle celebrità nazionali il Generale Franco Angioni (1933) comanante dell’operazione Libano 2.

Egli infatti rappresentava al meglio l’immagine nuova, dinamica ed efficace dell’esercito dell’epoca, appena ristrutturato dalle sagaci riforme del Generale Andrea Cucino.

Il Generale Angioni venne poi immortalato, insieme ad altri soldati italiani, nel romanzo Insciallah della celeberrima scrittrice Oriana Fallaci, ambientato nella Beirut di quei tempi.

Lo stesso Angioni raccontò la sua esperienza in Libano in un libro, che ebbe un discreto successo, intitolato Un soldato italiano in Libano (Rizzoli, Milano, 1984).

Al rientro in Patria, la bandiera di ITALCON LIBANO (oggi conservata nel Sacrario delle Bandiere al Vittoriano a Roma) venne decorata dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini dell’Ordine militare d’Italia.

Indubbiamente, la storia di ITALCON LIBANO è una bella storia italiana che merita di essere sempre ricordata e raccontata.

 

Annunci

La volontaria della libertà Oriana Fallaci

Avevo quattordici anni. Quando l’anno dopo mi congedarono dall’Esercito Italiano-Corpo Volontari della Libertà, mi sentii così fiera. Gesummaria, ero stata un soldato italiano!” (Oriana Fallaci – La Rabbia e l’Orgoglio -Corriere della Sera, 29 settembre 2001).

Il Corpo Volontari della Libertà, comandato dal generale dell’esercito italiano Raffaele Cadorna (1889 – 1973), venne costituito a Milano il 9 giugno 1944 e raggruppava, sotto un unico comando militare, tutte le forze partigiane combattenti nell’Italia centro-settentrionale occupata dai nazi – fascisti.

Il Corpo si sciolse, secondo gli accordi presi con gli alleati, all’indomani della fine della guerra in Italia (2 maggio 1945).

Con la legge 21 marzo 1958 n. 285 il Corpo Volontario della Libertà venne riconosciuto a tutti gli effetti come un corpo militare regolare delle Forze Armate italiane.

Alla bandiera del Corpo, oggi conservata nel Sacrario delle bandiere del Vittoriano a Roma, fu concessa la medaglia d’oro al valor militare con la seguente motivazione:

“Nell’ora tragica della Patria, quasi inermi ma forti per sovrumana volontà, tutto sacrificando a un ideale supremo di giustizia, i Volontari della Libertà affrontarono la lotta ad oltranza contro la tirannide che ancora una volta opprimeva la nostra terra. In una sfida superba al secolare nemico, dall’esempio dei martiri e degli eroi del passato trassero incitamento per vincere o morire, innalzando nella lotta la bandiera invitta del Risorgimento. Appesi alle forche e sotto il piombo del barbaro nemico morirono intrepidi rinnovando il sacrificio dei Manara, dei Morosini, dei Mameli, dei Pisacane senza speranza di premio per sé, ma con certezza di bene per la Patria. Nuovo onore della Stirpe, i Volontari della Libertà sono, nella storia d’italia, monito alle generazioni future. Guerra di Liberazione, 1943 – 1944 – 1945.”