Militari italiani in Turchia 1919 -1923

Da qualche anno, presso lo Stato Maggiore della Difesa, esiste un Ufficio storico che sta svolgendo un lavoro importante per la conoscenza della storia militare italiana.

Prova ne è quest’ultimo libro del giovane e promettente storico Giovanni Cecini Militari italiani in Turchia (1919-1923), Ufficio Storico dello Stato Maggiore della Difesa, Roma 2014.

Nella primavera del 1919, l’Italia aveva deciso di inviare un Corpo di Spedizione militare per assicurarsi il controllo della zona costiera dell’Anatolia e quindi il dominio dell’Egeo,  nel cui contesto già aveva occupato il Dodecaneso durante la guerra italo-turca 1911 – 1912.

Ma il progetto fallì: il movimento del generale Mustafa Kemal Atatürk (1881 – 1938) riuscì ad assicurare l’unità territoriale turca contro ogni tentativo d’espansione straniera (non solo  italiana). Pertanto, nel 1923, l’Italia ritirò il proprio contingente che però nel frattempo era riuscito a farsi molto ben volere dalla popolazione locale.

Si tratta di un libro, accademico e divulgativo insieme, su un aspetto poco conosciuto della politica estera italiana del primo dopoguerra. Il notevole apporto iconografico (con molte fotografie dell’epoca pubblicate per la prima volte) ne rendono poi particolarmente piacevole e interessante la lettura.

Un’indicazione bibliografica preziosa per i lettori di questo Blog.

Annunci